Complicarsi la vita

Spesso si dice che questa sia una prerogativa tutta femminile, e forse è vero. Tuttavia quanti di voi hanno fatto il giro del paese per arrivare al bar sotto casa? Quanti hanno scalato montagne per essere capaci di fare le scale? Quanti hanno comprato una calcolatrice per fare 2+2?11943-camminare-sulla-corda-equilibrista-rischio

L’ebbrezza del rischio, il dramma del “ce la faccio?”, un modo per impegnare il tempo, per “rimandare” una solitudine, un’incombenza, una scelta ovvia, un percorso stabilito… Tutti motivi a fondamento del classico “vivere male”, quello tanto biasimato, quello che a molti piace, quello che a volte ci salva da pensieri più molesti. Pare che la tecnologia, la moda, la burocrazia, l’informazione altro non facciano che marciarci… Tutto quello che ci circonda affonda il suo senso nella nostra voglia di tralasciare lo “scontato”. Apparire più complessi è spesso motivo di vanto, ci fa paradossalmente sentire “unici” omologandoci al modo di vivere comune. La risposta, la conquista, la destinazione è dietro l’angolo che non vogliamo svoltare: Perché?

La letteratura ci suggerisce che “complicarsi la vita è vivere”, che “fa più rumore un albero che cade rispetto ad una foresta che cresce”, che “le persone viaggiano per stupirsi delle montagne, dei fiumi, delle stelle e passano accanto a sé stesse senza meravigliarsi”, che “nessuna domanda è più difficile di quella la cui risposta è ovvia”, che “il difficile non è raggiungere qualcosa, ma liberarsi dalla condizione in cui si è”, che “i piaceri semplici sono l’ultimo rifugio della gente complicata”, che “è difficile acchiappare un gatto nero in una stanza buia soprattutto quando non c’è”, che “nulla è più complicato della sincerità”…

questionIn fondo ti sei sempre chiesto quanto fa “2+2” e volutamente non ti sei mai dato la risposta. Il solo chiedertelo ti ha alleviato la coscienza, conoscere la domanda ti ha convinto di non essere così ingenuo…

 “La verità si ritrova sempre nella semplicità, mai nella confusione” Isaac Newton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *